Senza categoria

Qual è la profondità colore della Sony FX3?

Ti sei mai chiesto quale sia la profondità colore, ovvero bit depth, della Sony FX3? Varie testate hanno svolto quest’analisi e confronto anche con la vecchia generazione, in particolare si tratta di un confronto con l’attuale linea Cinema Line (3-6-9) e Sony FS (5-7). Però un passo alla volta.

“16-Bit Linear RAW”

Prima un po’ di spiegazione e chiarezza. L’unico scopo di un sensore digitale è misurare la quantità di luce che riceve. Puoi pensare alla luce come a un mare di particelle (fotoni) che si muovono casualmente nello spazio. Una volta che queste particelle raggiungono i pixel del sensore, il loro numero viene registrato per ciascun pixel. La fotocamera assegna quindi un valore digitale proporzionale alla quantità di luce che riceve ogni singolo pixel. A differenza dell’occhio umano, un sensore digitale registra la luce in modo lineare. Ciò significa che raddoppiare la quantità di luce (o in altre parole aumentare l’esposizione di 1 stop) comporta il raddoppio del valore numerico assegnato nel file digitale. È così che nasce un file RAW. Vai tranquillo.

Questo processo implica una relazione lineare tra la profondità di bit del file digitale e il numero di stop della gamma dinamica che la fotocamera può teoricamente descrivere . Infatti, sia i bit che gli stop fotografici rappresentano il raddoppio o il dimezzamento di una quantità. Facciamo un esempio. Un file RAW lineare a 16 bit può descrivere un massimo di 16 stop di gamma dinamica. Ma attenzione! Questa è la gamma dinamica massima che la fotocamera può descrivere e NON la gamma dinamica effettiva che il sensore può catturare (che è inferiore a quella).

Infatti, la profondità di bit del file RAW viene scelta in base alla gamma dinamica effettiva misurata del sensore. Se il sensore di una fotocamera può catturare 13,2 stop di gamma dinamica, ad esempio, non ha senso utilizzare 16 bit: in questa particolare situazione, 14 bit sono più che sufficienti.

Sensori attuali

La maggior parte delle reflex digitali e delle fotocamere mirrorless attualmente sul mercato possono fornire solo la possibilità di scattare immagini fisse RAW a una profondità di 14 bit, comprese le fotocamere mirrorless di Sony. Tuttavia, girare video RAW è un compito molto più impegnativo. Ecco perché la lettura del sensore di solito scende a 12 bit o meno per i video RAW. In verità, le generazioni più recenti di sensori retroilluminati di Sony potrebbero effettivamente richiedere una lettura a 16 bit per descrivere l’intera gamma dinamica che possono catturare in condizioni ideali. Tuttavia, non penso che questo sia applicabile alle riprese video RAW.

Ad esempio, il sensore Sony IMX455 (che è probabilmente lo stesso sensore utilizzato nella Sony a7r IV) ha una modalità di lettura del sensore a 16 bit, come confermato dalla scheda tecnica ufficiale del sensore Sony. Infatti, questo modello di sensore viene utilizzato nella fotocamera per astrofotografia ASI6200 , che dispone di un convertitore analogico-digitale a 16 bit. Tuttavia, questa modalità è supportata solo quando si scattano foto. La lettura del sensore scende a 12 bit fino a 9,42 fps e a 10 bit fino a 21,33 fps alla massima risoluzione.