Senza categoria

Gyro: Immagini stabili con la tua BMPCC 6K Pro

La Blackmagic Pocket Cinema Camera (BMPCC) 6K e 6K Pro non sono stabilizzate di per sé, essendo camere cinematografiche. Tuttavia, grazie al giroscopio interno e all’elaborazione post- produzione con il software Gyro, è possibile ottenere immagini stabili con la tua bmpcc 6k.

L’aggiornamento software 7.9.2 delle videocamere Blackmagic consente di registrare i dati del giroscopio, che possono poi essere utilizzati in fase di editing. Questo sistema funziona solo quando si utilizza il formato RAW, ovvero il codec BRaw, che consente di registrare le informazioni aggiuntive nel file. Dopo aver calibrato il giroscopio dalle impostazioni della camera, è possibile registrare le immagini a mano libera. Nel caso in cui si utilizzino ottiche con attacco Canon EF attivo, le informazioni sull’apertura e la focale vengono trasmesse senza problemi. Nel caso di ottiche prive di contatti (Canon EF passivo), è necessario inserire queste informazioni all’interno del file in camera.

Per la stabilizzazione in post-produzione, è necessario utilizzare il software Blackmagic DaVinci Resolve. Dopo aver importato la clip, nella sezione di stabilizzazione è possibile selezionare la stabilizzazione Gyro. I metadati vengono letti rapidamente e la stabilizzazione viene applicata. È possibile regolare la sensibilità della stabilizzazione per ottenere il risultato desiderato.

In sintesi, pur non essendo stabilizzate di per sé, le Blackmagic Pocket Cinema Camera 6K e 6K Pro offrono la possibilità di ottenere immagini stabilizzate grazie al giroscopio interno e all’elaborazione post-produzione con il software Gyro. L’aggiornamento software consente di registrare i dati del giroscopio, che possono essere utilizzati in fase di editing, e il software Blackmagic DaVinci Resolve permette di applicare la stabilizzazione in modo preciso e personalizzato. Otterrai così le immagini della tua bmpcc 6k stabili Nel caso in cui si girasse con camere non di casa Blackmagic bisogna utilizzare software esterni. Ad esempio Gyroflow